UNA NUOVA ODISSEA...

DA JOHANN GUTENBERG A BILL GATES

Cari lettori, cari collaboratori e collaboratrici, “Odissea” cartaceo ha compiuto 10 anni. Dieci anni di libertà rivendicati con orgoglio, senza chiedere un centesimo di finanziamento, senza essere debitori a padroni e padrini, orgogliosamente poveri, ma dignitosi, apertamente schierati contro poteri di ogni sorta. Grazie a tutti voi per la fedeltà, per la stima, per l’aiuto, per l’incoraggiamento che ci avete dato: siete stati preziosi in tutti questi dieci anni di vita di “Odissea”. Insieme abbiamo condiviso idee, impegni, battaglie culturali e civili, lutti e sentimenti. Sono nate anche delle belle amicizie che certamente non saranno vanificate. Non sono molti i giornali che possono vantare una quantità di firme prestigiose come quelle apparse su queste pagine. Non sono molti i giornali che possono dire di avere avuto una indipendenza di pensiero e una radicalità di critica (senza piaggeria verso chicchessia) come “Odissea”, e ancora meno quelli che possono dire di avere affrontato argomenti insoliti e spiazzanti come quel piccolo, colto, e prezioso organo. Le idee e gli argomenti proposti da "Odissea", sono stati discussi, dibattuti, analizzati, e quando occorreva, a giusta ragione “rubati”, [era questa, del resto, la funzione che ci eravamo assunti: far circolare idee, funzionare da laboratorio produttivo di intelligenza] in molti ambiti, sia culturali che politici. Quelle idee hanno concretamente e positivamente influito nella realtà italiana, e per molto tempo ancora, lo faranno; e anche quando venivano avversate, se ne riconosceva la qualità e l’importanza. Mai su quelle pagine è stato proposto qualcosa di banale. Ma non siamo qui per tessere le lodi del giornale, siamo qui per dirvi che comincia una una avventura, una nuova Odissea...: il gruppo redazionale e i responsabili delle varie rubriche, si sono riuniti e hanno deciso una svolta rivoluzionaria e in linea con i tempi ipertecnologici che viviamo: trasformare il giornale cartaceo in uno strumento più innovativo facendo evolvere “Odissea” in un vero e proprio blog internazionale, che usando il Web, la Rete, si apra alla collaborazione più ampia possibile, senza limiti di spazio, senza obblighi di tempo e mettendosi in rapporto con le questioni e i lettori in tempo reale. Una sfida nuova, baldanzosa, ma piena di opportunità: da Johann Gutenberg a Bill Gates, come abbiamo scritto nel titolo di questa lettera. In questo modo “Odissea” potrà continuare a svolgere in modo ancora più vasto ed efficace, il suo ruolo di laboratorio, di coscienza critica di questo nostro violato e meraviglioso Paese, e a difenderne, come ha fatto in questi 10 anni, le ragioni collettive.
Sono sicuro ci seguirete fedelmente anche su questo Blog, come avete fatto per il giornale cartaceo, che interagirete con noi, che vi impegnerete in prima persona per le battaglie civili e culturali che ci attendono. A voi va tutto il mio affetto e il mio grazie e l'invito a seguirci, a collaborare, a scriverci, a segnalare storture, ingiustizie, a mandarci i vostri materiali creativi. Il mio grazie e la mia riconoscenza anche ai numerosi estimatori che da ogni parte d’Italia ci hanno testimoniato la loro vicinanza e la loro stima con lettere, messaggi, telefonate.

Angelo Gaccione
LIBER

L'illustrazione di Adamo Calabrese

L'illustrazione di Adamo Calabrese

FOTOGALLERY DECENNALE DI ODISSEA

FOTOGALLERY DECENNALE DI ODISSEA
(foto di Fabiano Braccini)

Buon compleanno Odissea

Buon compleanno Odissea
1° anniversario di "Odissea" in Rete (Illustrazione di Vittorio Sedini)


"Fiorenza Casanova" per "Odissea" (Ottobre 2014)

venerdì 22 marzo 2019

LEGNANO. LIBRERIA NUOVA TERRA
Via Giolitti n. 14
Mercoledì 27 marzo 2019 ore 21

“La cattedra sfuggente”
Con Cataldo Russo e Angelo Gaccione

La locandina dell'incontro





  

COMUNITÀ ELLENICA A MILANO
CENTRO ELLENICO DI CULTURA




Palazzo delle Stelline
Corso Magenta n. 59
Venerdì 29 marzo 2019 ore 16



Una veduta del Palazzo delle Stelline

“Le radici greco-romane dell’Europa
Attraverso il pensiero degli studiosi europei”
di Stella Priovolou

Con il patrocinio dell'Ambasciata di Grecia a Roma


Intervengono: Bruno Marasà (Dir. Uff. Parlamento Europeo. Mi)
                              Sofia Zafiropoulou (Pres. Com. Ellenica. Mi)
                              Cinzia Dato (Politologa)
                              Giovanna Gabrielli (Giornalista)
                              Massimo Cazzulo (Pres. Soc. Ellenica Milano)
                              Angelo Gaccione (Scrittore)
                              Manfredo Romano Arrigo (Sociologo)
                              Bruno Tabacci (Parlamentare della Rep. Italiana)

Modera: Antonio Amato

Sarà presente il Console Generale Onorario della Grecia a Milano
Nikolaos Sakkaris.

Cliccare sul manifesto per ingrandire





La Poesia
I CONIUGI TROMBETTISTI



“Accaniti suonator di trombe nella vita, seguitarono a farlo anche
dopo morti: lei suonando
le trombe d’Eustachio del marito,

il marito
le trombe di Falloppio della moglie.

(Di trombe eran vissuti
ma di trombe eran pur morti:
lui di tromba d’aria. Lei cadendo invece per la tromba delle scale)”.

Nicolino Longo
ANCORA TRA QUESTIONE POLITICA E QUESTIONE MORALE
di Franco Astengo

Marcello De Vito
(arrestato a Roma)

Ritorna in prima piano l’intreccio politica/corruzione.
C’è stato un periodo nel quale si pensava che l’intreccio passasse attraverso l’eccesso di elargizione di benefici ai partiti.
Oggi ritroviamo, invece, i classici elementi di un tempo: le vecchie e care tangenti il cui scambio pare albergare anche nei movimenti che avevano fatto dell’ “onestà “una bandiera e dell’antipolitica il mezzo per raccogliere milioni di voti. In questo momento però non si può dimenticare il punto caratteristico dell’infinita transizione italiana da Tangentopoli in poi.
L’insieme della vicenda politica italiana negli ultimi venticinque anni è stata sovrastata da un gigantesco “conflitto d’interesse” che ha inquinato pesantemente e in maniera del tutto trasversale la società, corrompendola nel profondo, offrendo modelli e stili di vita ormai accettati dai più, con sullo sfondo l’eccesso di competizione personale, violenza, sopraffazione che registriamo nella vita di tutti i giorni. È difficile trovare la via di un discorso politico che non appaia semplicemente un richiamo moralistico e, quindi, potrebbe essere il caso di fermarci a questo punto dimostrando semplicemente di aver registrato attentamente, ma per l’ennesima volta in un caso di “repetita non juvant”, ciò che è avvenendo.
Sulle basi di ciò che pare sia stato scoperto in questi giorni si può ancora comprendere meglio la reazione avuta, nel corso degli anni, dal ceto politico (tipica di chi si sente arroccato nel fortino del “cartel party”) che ha tentato di coartare, per via legislativa, la giustizia (penso che tutti si saranno accorti che certe leggi non sono “ad personam” come si tentava di far credere, riguardavano un intero ceto politico, all'interno anche di un’idea di “alternanza”).
Si è così cercato di fare in modo che emergessero determinati elementi: populismo, personalizzazione, cooptazione dall'alto e/o “dal basso” se guardiamo ai criteri di selezione del ceto dirigente, criteri dominati - a quanto sembra - dal “familismo amorale”.
Non basta per fronteggiare questo stato di cose, assai grave, quella che è stata definita “bella” o “buona” politica: intenzioni di cui appare lastricata di sassi la strada dell'inferno. Abbiamo ceduto su questo terreno; abbiamo ceduto al corporativismo e a un’idea, sbagliata, di democrazia diretta di tipo sostanzialmente “referendaria” sul tema “governo sì”, “governo “no”.
La “partitocrazia” (da Maranini), tanto invocata e /o maledetta, può essere superata soltanto tornando alla piena rilevanza della rappresentanza politica collettiva. In questo modo può sciogliersi in positivo l'intreccio tra “questione politica” e “questione morale”, interpretando la crescente complessità sociale nella forma della tensione al cambiamento e impedendo che il definitivo crollo della partecipazione politica apra la strada al trionfo finale dei “corpi separati”.
 Non è certo costruendo un regime personali fondati sull’asservimento e la prostrazione di corifei interessati che si affrontano paese. Inoltre la politica non può limitarsi, come quasi sempre è avvenuto, a delegare la magistratura. Forse, da qualche parte, è ancora il caso di richiamarsi alla “diversità”, non tanto a quella di un partito ma all’espressione di un’idea di eguaglianza, di diverso modo di vivere, di ideali da perseguire per i quali può valer la pena di vivere. Studio e sacrificio, nella via “etica” alla politica, in una qualche misura già indicata nell’odio verso gli indifferenti di memoria gramsciana potrebbero ancora rappresentare un monito e un esempio. Poca cosa? Probabilmente sì ma necessaria almeno da evocare.

PAVIA. COLLEGIO GHISLIERI
Gandhi oltre l’India.
Mercoledì 27 marzo 2019 ore 17


La locandina dell'incontro


PAVIA. SOCRATE AL CAFFÈ
Con Salvatore Veca
al Palazzo del Broletto
Sabato 30 marzo 2019 ore 10,30



La locandina dell'incontro



CASA DELLE DONNE. MILANO
Via Marsala n. 8/10
27 marzo 2019 ore 17,30

Docu-film sugli elettrosensibili in Italia

Cliccare sulla locandina per ingrandire


TULLIO PERICOLI AL PALAZZO DEI CAPITANI
Ascoli Piceno.
Dal 22 marzo 2019 al 3 maggio 2020

Il manifesto della mostra


AMERICA
di Ilaria, Vito, Adamo

PLAYOFF 


Suona la sveglia. La sento dentro l'orecchio. Faccio un salto dallo spavento e mi accorgo di aver il telefono sotto il cuscino. Mi sono addormentata mentre stavo parlando con Ry.  Apro subito snapchat per scusarmi, ma trovo un suo messaggio. “Hei, ti sei addormentata mentre ti raccontavo una storia. Buonanotte, ci vediamo domani". Sorrido e gli mando un messaggio, poi vado a fare colazione.
Appena finisco di fare il fiocco alle scarpe da cheer, sento due colpi di clacson. Guardo l'ora, sono le 7.50am. Mom mi chiede se avevo pianificato di non andare a scuola con Joe. Apro la porta e faccio segno con la mano, per dirgli che in due minuti sarei arrivata.
Hei, ragazzo, sei pronto!" Chiudo la porta e mi abbraccia. Arriviamo a scuola e parcheggiamo, la neve è ancora fresca e il gelo mi entra nelle ossa. "Porco cane, che frio". Mi lascio scappare questa frase in italiano. Stranito mi guarda e urla "What?”  Gli rispondo dicendo che ho freddo e lui prova ad imitarmi.
Salutiamo il Principale della scuola e lo aiutiamo a organizzare i pullman e le magliette per gli studenti. La hall della palestra è piena di studenti con cappelli, sciarpe, calze e giubbotti della scuola. Siamo tutti super gasati e non vediamo l'ora di andare a vincere questo game e passare alle semi-finali. Dopo due ore a segnare gente, distribuire maglie, caricare sul pullman gli strumenti della banda, siamo pronti a partire.
Ry sta dormendo con la musica nelle orecchie e la sua testa sulla mia spalla. Mi fa quasi tenerezza. Sento che si muove. Tolgo una cuffietta: “Buon giorno! Come mai hai dormito sulla mia spalla?" Si strofina gli occhi e mi fa la linguaccia. Lo prendo ancora un po' in giro e lui inizia a farmi il solletico. Dalla mia bocca esce un acuto e tutti si girano verso di noi. Sembriamo due bambini, ma in fondo un po' lo siamo! 
Dopo che tutti i bus sono arrivati all'università dove si giocherà il game, ci dividiamo in gruppi, le cheer sono le prime ad entrare. Siamo quasi pronte, mettiamo i fiocchi in testa e rifiniamo il trucco. Usciamo e facciamo il nostro ingresso nella gym. La banda ci accoglie suonando e la sezione studentesca urla per il nostro ingresso. Sembra di stare ad un game di professionisti.
Un boato si alza dagli spalti, i due team sono pronti a giocare, le rivalità si fanno sentire tra slogan, urli e scontri di bande. Fischio d'inizio, Ry salta e butta la palla dalla nostra parte. Mi manca il fiato, l'ansia tende ogni muscolo del mio corpo. Chiamiamo slogan e balletti ogni due minuti per sostenere il nostro team, mentre il corpo studentesco non smette di cantare e urlare neanche per un secondo. Siamo incandescenti. Gli spalti dalla nostra parte sono pieni e le persone continuano ad arrivare.
Siamo davanti per tutto il primo e il secondo tempo. Chiamano la pausa tra il secondo e il terzo tempo. Scateniamo un urlo, sembriamo selvaggi. Ry mi guarda, mi fa il segno del pugno e ricambio. Sta giocando molto bene e questo game è davvero emozionante.
Riprendiamo il game e l'altra squadra si avvicina con il punteggio, restiamo sempre noi al comando, ma piano piano recuperano terreno. Continuiamo a cantare e ballare, non smettiamo di urlare per un secondo. La gola inizia a farmi male e sento che la voce va e viene... oh, oh… non è un buon segno. Anche il terzo tempo è volato, ci separano due punti. Risuona il fischio d'inizio e si riprende a giocare. Ry prende la palla, la passa a Kaleb, che la ripassa a Ry, salta e schiaccia. Negli spalti si scatena un inferno, è pazzesco, non riusciamo a trattenerci; le urla continuano per due minuti fino quando l'azione si replica, ma stavolta è Kaleb, che mette la palla dentro con una mano e con l'altra è appeso al canestro. Siamo in visibilio. Non ci ferma più nessuno. Mancano tre secondi e stiamo vincendo per quattro punti. Chiamano un fallo per il team di Henley; il silenzio cala nella palestra. Siamo tutti tesi. Si mettono in posizione, sbaglia il primo tiro, ne ha ancora uno... la palla sembra muoversi al rallentatore. Rimbalza sul canestro e cade senza entrare nella rete. Saltiamo da tutti gli spalti verso il nostro team. Ci abbracciamo, la banda inizia a suonare e finisce il tempo. Abbiamo vinto!
Entriamo nel campo da gioco e vado subito a complimentarmi con Ry e gli altri ragazzi. Cantiamo la fight song e io più altre ragazze siamo sulle spalle dei ragazzi dando il tempo per la canzone. Mi sembra un sogno. È bellissimo e non riesco ancora a crederci. Scendo dalle spalle di Ry e lo abbraccio.
Sul pullman mi addormento e mi sveglio solo quando siamo nel parcheggio di casa. L'adrenalina ha lasciato lo spazio alla stanchezza. Mom mi viene a prendere e le racconto tutto quello che è successo. Sono ancora emozionata al solo pensiero. Sorrido mentre lo racconto e mi viene quasi giù una lacrima dalla gioia. 
Domani replichiamo. Goodnight Eagles, and good luck for tomorrow!
Ilaria

***
17 anni

Disegno di Adamo Calabrese

Quando avevo 17 anni studiavo chimica nell’istituto di piazza Vetra a Milano e annusavo con languore il profumo dei krapften che veniva da una rosticceria limitrofa. Studiavo la legge di Lavoisier che in quattro parole enuncia che nulla si crea e nulla si distrugge per cui una candela spenta pesa quanto il fumo che emana quando è accesa. Povero Lavoisier, finito sotto la ghigliottina di Robespierre! Poi, sopraggiunta la notte, leggevo e rileggevo i libri che racimolavo sulle bancarelle dei volumi usati. Dostojevskjj, Tolstoi, Flaubert, Hemingway…! Quante appassionate letture…e sono passati gli anni, è corso il vento, è caduta la pioggia, si è levato il sole ed è tramontata la luna. In ogni modo mi è rimasta nel cuore la legge di Lavoisier con il suo fantasioso enunciato: “Se scrivi una lettera alla tua amata di certo la tua amata ti risponde, ma se non ti risponde cambia amata.” Del mio diciassettesimo compleanno mi è rimasto un affettuoso ricordo: Era nevicato molto, gli alberi sembravano smisurati fantasmi, la città era silente come se non ci fosse più nessuno. Era sera, ero uscito per andare incontro a qualcuno che mi cercava. Nella strada c’era un’ombra che veniva verso di me con dubitoso passo. Anch’io tentennavo. Fummo vicini e lo riconobbi. Era il mio professore di fisica del primo anno di scuola media ma curvo, invecchiato, che tentennava con il braccio mentre mi porgeva una candela accesa. “Nulla si crea e nulla si distrugge” balbettava. Di nuovo nevicava e il vecchio aveva ripreso il suo cammino disfacendosi nei fiocchi che volteggiavano sotto i lampioni.

Poesia dell’inverno: Giosuè Carducci

SAN MARTINO
La nebbia agli irti colli
Piovigginando sale,
E sotto il maestrale
Urla e biancheggia il mar;
Ma per le vie del borgo
Dal ribollir de’ tini
Va l’aspro odor de i vini
L’anime a rallegrar.
Gira su’ ceppi accesi
Lo spiedo scoppiettando:
Sta il cacciator fischiando
Su l’uscio a rimirar
Tra le rossastre nubi
Stormi d’uccelli neri,
Com’esuli pensieri
Nel vespero migrar.

Post scriptum:
Pochi leggono ancora Carducci, viene considerato un poeta accademico. Eppure questo san Martino risveglia ricordi d’infanzia: irti colli che toccano il cielo dove benevole divinità mangiano, bevono e giocano a carte. Fuori, nel bosco, gentili volpi annusano la neve.
Adamo




CASTELLO SFORZESCO - MILANO
Convegno sui mutamenti climatici
Sabato 30 marzo 2019 ore 9,30 – 13,38
Sala Viscontea.

Cliccare sulla locandina per ingrandire


Privacy Policy